18 ottobre 2007

nuovi lavori reprise

Viene chiesto, nei commenti al post precedente, che lavoro sono andato a fare. Mi domando che senso abbia questa domanda. Perché forse sapete dirmi che lavoro facevo finora? Facevo il rendicontatore. Ora che ve l'ho ricordato, sapete forse dirmi se vi basta? Vi garantisco che neanche all'ottava domanda riuscireste ad avere un quadro esaustivo su chi è e cosa fa un rendicontatore. Lo sono 10 anni, e sono stati 10 anni di spiegazioni vane. Alla fine erano diventate spiegazioni a me stesso, con l'unica differenza di una lieve sfumatura: sul perché lo facevo (mica l'ho mai capito).
Nel nuovo lavoro, vinto alla lotteria "sbattiamo fuori SF dal nostro organico per motivi di calo di attività, però ce lo prendete voi così noi poi continueremo ad usufruire delle sue competenze", sono nell'ufficio amministrazione e patrimonio. Cosa ho fatto in questi giorni lo ho scritto qui sotto. Che farò nei prossimi giorni me lo ha detto il direttore proprio stasera.
Dopo 20 minuti -davvero sono stati 20- era ancora lì che doveva completare l'elenco delle mansioni. Chiaramente ho capito ben poco, tranne che vuole vedere uno che abbia voglia di fare. Siccome col terzo pomeriggio consecutivo a ritmi blandi stavo rischiando il suicidio, ho concluso io l'incontro -durato ben 40 minuti- dicendo che da domani (giovedì) ero lì pronto per iniziare. Bene, fa lui, inizieremo il prima possibile, la prossima settimana. !!! ??? !!! Ah.
Ho come responsabile diretta un'accentratrice (lo ha detto lui) e con le buone io, con le cattive lui, dovremo toglierle alcune cose dalle mani. Ma che è, furti in ufficio?
Se qualcuno dell'ufficio tecnico mi chiederà qualcosa di mera segreteria devo rispondere "queste cazzate te le fai" (lo ha detto sempre lui). Mi ci vedete? Al limite me ne uscirò col classico e disastroso "abbi pazienza".
A quel punto ho accennato dei due incontri della prossima settimana fissati dal vecchio lavoro. Toh, son riuscito a commuoverlo; forse mi alleggerirà il compito. O meglio, non gliene frega affatto di cosa potrei fare per loro.
Insomma, nulla di nuovo sul fronte lavoro. In compenso per arrivare là ci impiego una decina di minuti, in bici of course.
Mi pare di aver detto tutto, no? Qual era la domanda? ah, che lavoro faccio? e che ne so.

3 commenti:

michy ha detto...

i nuovi lavori sono come gli ovini kinder.. non sai mai cosa c'è dentro.
Io risposi a un annuncio in ui si cercava una 'disegnatrice' e mi ritrovo a fare la progettista/venditrice/responsabile acquisti/consegne/...*meglio non specificare*../customer care...
beh, che dire, in bocca al lupo!

Brain ha detto...

Perché forse sapete dirmi che lavoro facevo finora?
Certo, lavoravi alla segreteria dell'uni! ;-)

SacherFire ha detto...

Crepi, Michy :)
Brain, sì è vero, ma quello era l'intermezzo mattutino (che mi piaceva alquanto). Io parlavo dei miei 5 anni in quella società, non delle mattine dell'ultimo anno e mezzo e basta